Notizie

Il Centro Laudato Sí sensibilizza contro il Covid-19

  • 09 Luglio 2020

Testo e foto: Lwanga Kakule

 


Quasi quattro mesi dopo la dichiarazione dello stato di emergenza per combattere il coronavirus nella Repubblica Democratica del Congo, la pandemia ha già colpito 7.411 persone, tra cui 182 morti e 3.184 persone guarite, secondo il Segretariato Tecnico per la risposta al Covid-19. A Kinshasa, epicentro della pandemia - oltre l'85% dei casi nella RDC -, la vita è quasi tornata alla normalità. Di conseguenza, la popolazione rispetta sempre meno le misure per combattere il coronavirus e gran parte dubita ancora dell'esistenza del virus, come nel caso della signora Stéphanie, una sarta nel distretto UPN, a Kinshasa: Di solito ricevo visitatori a casa mia e gli stringo la mano; Non ho paura del coronavirus".

Altri intervistati da Afriquespoir affermano di essere stanchi di stare a casa e di rispettare le misure di distanziamento, mentre altri affermano di essere costretti a lavorare per mangiare. L'allentamento del rispetto delle misure di protezione nella città di Kinshasa è facilmente percepibile sul mercato, dove migliaia di persone sono affollate insieme e dove pochissimi indossano le mascherine e usano detergenti idroalcolici per disinfettarsi le mani.


Necessità di sensibilizzazione
La Chiesa cattolica, che è stata coinvolta nella lotta contro la diffusione del coronavirus sin dall'inizio dello stato di emergenza, continua a sostenere le azioni del governo nel sensibilizzare l'opinione pubblica contro il Covid-19. È in questo contesto che il Centro Laudato Sí, nella parrocchia di Saint Jean-Paul II, a Kinshasa, ha organizzato sabato 4 luglio una sessione di sensibilizzazione del consiglio parrocchiale e degli agenti pastorali affinché girino, trasmettano il messaggio alle comunità di base - CEVB - e ai gruppi della parrocchia. La direttrice del Centro, Nkoy Mputu Odile, ha affermato che non è il momento di abbassare la guardia: "Vorrei sottolineare una cosa: il coronavirus esiste. Nelle menti e nelle pratiche del popolo congolese, apparentemente la malattia non esiste e abbiamo notato il lassismo nel rispetto delle misure di protezione dalla pandemia. Questo è il motivo per cui dobbiamo continuare ad aumentare la consapevolezza".




Dopo aver spiegato agli operatori pastorali e al Consiglio parrocchiale la natura del Covid-19 e i sintomi per identificare le persone colpite da questa pandemia, i funzionari del Centro Laudato Sí hanno ricordato la necessità di rispettare le misure di barriera decretate dalla comunità internazionale riguardo alla gestione della pandemia. Quindi, hanno consegnato al parroco un kit di 2.500 mascherine, sei scatole di detergente idroalcolico, lavabo e bidoni della spazzatura per la distribuzione nel CEVB e altri gruppi nella parrocchia. Secondo la signora Odile, questi materiali serviranno anche per la post-pandemia e fanno parte del piano strategico del Centro per la protezione ambientale.




Creato nell'agosto 2018 dai Missionari Comboniani per promuovere la protezione dell'ambiente, la conservazione della creazione, la giustizia e la pace, il Centro Laudato Sí è un pioniere della pastorale ecologica all'interno dell'arcidiocesi di Kinshasa. I funzionari del centro hanno in programma di diffondere la consapevolezza sul Covid-19 alle comunità e ai quartieri della capitale.

 

Condividi questo articolo